Record al Campionato Italiano GPG di Riccione

Si è appena concluso a Riccione il 54° Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini” – Campionato Italiano under 14.
Ferni_Ali_PelloL’ultima gara stagionale per i nostri più giovani atleti è segno tangibile di lavoro costante, passione immensa, divertimento assoluto, sacrificio e impegno quotidiano, che passo dopo passo e silenziosamente fa crescere e migliorare questi ragazzi, insegnando loro i valori più importanti di questo sport.
L’ultima gara stagionale regala un bottino ricchissimo di risultati, soddisfazioni ed emozioni ad atleti e tecnici dell’Accademia Scherma Marchesa, contando ben 2 Ori, 1 Argento, 1 Bronzo, un 5° posto e molti altri buoni piazzamenti.

Ma veniamo alla cronaca di questi quattro giorni di gare, analizzandoli in ordine cronologico.

Sabato 29 Aprile
È la categoria Ragazze a dare il via al programma di spada al GPG di Riccione. Portacolori per l’Accademia Scherma Marchesa sono Vera Perini, Martina Logozzo e Morena Canavera.
VeraCon la prima gara di spada arriva anche il primo risultato: posto per Vera Perini che si aggiudica il titolo di vice-Campionessa italiana!
Inizia bene la giornata di Vera con 6 vittorie su 6 in girone, che le permettono di saltare la prima diretta. Negli assalti successivi vince su Jasmine Amidei (Club Scherma Taranto A.S.D.) 15-4, Giulia Calamita (Circ. della Scherma Terni A.S.D.) 15-11, Bianca Magni (A.S.D. Chiti Scherma Pistoia) 15-6, Frida Boldrini (Circ. della Scherma Imola) 15-8, Rebecca Baronetto (Fondazione Marcantonio Bentegodi) 15-9, Elisa De Martin (Scherma Treviso A.S.D.) 15-11 in semifinale e in finale cede alla scherma di Anita Corradino (S.D.S. Cesare Pompilio Genova) 11-15.
Buona partenza anche per Martina Logozzo, che con 5 vittorie e una sconfitta in girone salta di diritto la prima diretta. Nel primo assalto supera Chiara Allori (Circ. Scherma Firenze R. Ragetti) 15-10, ma successivamente viene fermata da Lea Carminati (Pol. Scherma Bergamo) 13-15 per l’accesso alle 32. Martina chiude la sua gara al 39° posto.
Qualche difficoltà in più per Morena Canavera, che in girone riesce comunque a conquistare una vittoria su 6. E prova a difendersi anche nell’assalto di eliminazione diretta, ma viene fermata da Maria Satta (A.S.D. Accademia d’Armi Athos), 7-15. Morena termina al 152° posto.

Domenica 30 Aprile
Secondo giorno di gare, due le categorie impegnate nella spada maschile, due i risultati della giornata.
CanaleDalla categoria Ragazzi arriva il posto di Alessandro Canale!
Partenza sprint per lui, con 6 vittorie su 6 in girone e accesso immediato al secondo turno di eliminazione diretta. L’assalto per l’accesso ai 64 lo vede contrapporsi subito al compagno di sala Davide Valero, sul quale ha la meglio vincendo 15-8. Negli assalti successivi supera Matteo Lombardi (Ass. scherm. Bresso A.S.D.) 15-9, Leonardo Morotti (Bergamasca Scherma Creberg) 15-12, Luca Millo (Zinella Scherma A.S.D.) 15-11, Alberto Niosi (Accademia Scherma Palermo A.S.D.) 15-14 e si arrende solo in semifinale, dopo una bella rimonta, al vincitore della gara Paolo Santoro (Scherma Treviso A.S.D.) 12-15.
Nella stessa categoria, Gabriele Dimino chiude al 61° posto dopo essere stato fermato di misura, 13-15, da Francesco Bandini (U.S. Pisascherma A.S.D.), poco distante Matteo Serreli termina la sua gara al 68° posto, e al 101° posto Davide Valero.

PaganelliSi ferma ai piedi del podio, con un buon posto, la gara di Marco Paganelli nella categoria Allievi.
Con 6 vittorie su 6 in girone, Marco accede al tabellone dei 128 e negli assalti a seguire vince su Alessandro Becchetti (Centro Scherma Latina A.S.D.) 15-8, Lorenzo Blanzieri (Pentamodena A.S.D.) 15-7 e Michele Comolatti (A.S.D. C.S. Pettorelli Piacenza) 15-13. L’assalto più complicato è quello per entrare nei primi otto finalisti, che lo vede tirare e avere la meglio sul compagno di sala Riccardo Chiadò per 15-14, ma nel turno successivo Giosuè Sambucci (Exodus A.S.D.) frena la sua corsa alla vetta, fermandolo per 13-15.
La sfortuna negli abbinamenti ha fermato forse troppo presto la gara di Riccardo Chiadò, iniziata con 5 vittorie e una sconfitta in girone e gestita bene fino alla fine, gara terminata poi al 15° posto.
Gli altri risultati: 35° Paolo De Bastiani, 120° Andrea Chiaverotti e 128° Francesco Mirabile.

Lunedì 01 Maggio
La Festa dei Lavoratori non poteva essere celebrata in modo migliore: posto per Chiara De Piccoli che si laurea Campionessa Italiana U14 nella categoria Allieve di spada femminile.
DePiccoli_MauroUna gara condotta egregiamente già nella fase a gironi, con 6 vittorie su 6 e l’accesso diretto al tabellone delle 128, dal quale inizia l’ascesa alla vetta del podio.
Chiara supera Elena Coppola (Società del Giardino Milano) 15-5, Celeste Merola (G.S. P. Giannone) 15-10, Lavinia Tedesco (G.S. P. Giannone) 15-13, Giovannella Somma (Club Schermistico Partenopeo) 15-10, Cristiana Romana Gentili (Sclub Scherma Formia A.S.D.) 15-14, Matilde Cassina (S.S. Malaspina Massa A.S.D.) 15-10 e chiude la gara solo all’ultima stoccata, vincendo 15-14 su Liliana Verdesca (Club Scherma Lecce A.S.D.).
Nella stessa categoria: 46^ Elena Cardelli, 66^ Federica Casabona e 129^ Lina Morchid.

Sempre in campo femminile, ma nella categoria Giovanissime, Sofia Di Masi sfiora l’accesso alle prime otto finaliste, sconfitta 9-10 da Chiara Panzera (Club Scherma Lecce) e terminando la sua gara al 12° posto.
Giornata difficile per Giada Donato, che non riesce ad andare oltre la prima diretta, fermata sul 5-10 da Arianna Delnevo (Isef E. Meda Torino) per le 64. Giada chiude al 126° posto.

Pur ottenendo buoni risultati, non hanno brillato questa volta i Giovanissimi della spada maschile.
Le 5 vittorie e una sconfitta in girone permettono a Francesco Sciortino di saltare il primo turno di eliminazione diretta. Subito dopo ha la meglio su Mattia Plos (Club Scherma Lame Friulane) 10-4, ma è poi costretto ad arrendersi a Matteo Zuppa (Centro Scherma Rovigo) 7-10. Francesco si classifica al 35° posto.
Gli altri risultati: 77° Carlo Alberto Riva, 112° Lorenzo Morsaniga e 131° Federico Pratone.

Martedì 02 Maggio
L’ultima giornata di gare non poteva chiudersi in modo migliore: posto per Mariafernanda Bardascino, che conquista il titolo di Campionessa Italiana U14 nella categoria Bambine di spada.
Ferni_podioCon 5 vittorie su 6 al primo turno, e 6 vittorie su 6 nel secondo, Fernanda chiude all’8° posto la fase a gironi. Concentrata e determinata durante gli assalti di eliminazione diretta, supera Alice Lacalamita (PentaModena) 10-4, Arianna Tintori (A.P.D. Pietro Micca Biella) 10-0, Vittoria Cavani (PentaModena) 10-9 e Asia Vitali (Circ. Scherm. Forlivese) 7-6, assalto che le garantisce un posto sul podio. In semifinale vince su Emma Morsiani (PentaModena) 10-5, e nella finale contro Martina Caridi (Acc. Sch. Bernardi Ferrara) nonostante una rischiosa rimonta avversaria, riesce ad imporsi per 10-8.
Non sono bastate a Beatrice Russo le 3 vittorie, ottenute nei due turni di girone, per accedere alla fase di eliminazione diretta, terminando la gara al 95° posto. Questa esperienza la aiuterà sicuramente a prendere spunto per crescere e migliorarsi nella prossima stagione.

Per la categoria Maschietti, miglior piazzamento per Davide Tauro che chiude al posto.
Tauro_LaPortaDavide è 4° al termine dei due gironi, e nelle dirette vince su Giulio Dassi (Piccolo Teatro di Milano) 10-4, Marcello Renda (Pro Novara Scherma) 10-6, Emanuele Gambino (Circ. della Spada Cervia) 10-8.
Solo nell’assalto valido per l’accesso ai primi otto, Davide cede di misura a Leonardo Pignatelli (Club Schermistico Partenopeo) 9-10.
Nella stessa categoria: 61° Lorenzo Fontana, 65° Stefano Tucci, 67° Stefano La Porta, 141° Matteo Pascali.

 

Per festeggiare questa indimenticabile trasferta, l’Accademia Scherma Marchesa ha il piacere di invitare tutti gli Atleti e i Genitori al rinfresco che si terrà Lunedì 15 Maggio nella sede di C.so Taranto 160 – Torino.
Sarà un’occasione per rivivere i momenti più significativi, difficili e divertenti di un appuntamento così importante come il Campionato Italiano.
Complimenti a tutti e grazie per le belle emozioni che ci avete regalato.

 

Foto di Augusto Bizzi

Scrivi un commento